Sui segreti inconfessabili

Pubblicato il da EvaKendall

"Ogni uomo ha il suo segreto inconfessabile" dice Titta Di Girolamo. Io, ovviamente, non faccio eccezione. Tra i segreti "inconfessabili (quelli senza virgolette mi riservo il diritto di svelarli in un'altra vita) c'è la sindrome da acquisto compulsivo. No, niente che lasci presagire la necessità di consultare uno psicanalista...ma è cosa certa che, entrata in un supermercato a far la spesa, una volta arrivata in cassa, la roba nel carrello sarà molto più numerosa di quella segnata nella lista.
Un altro dato di assoluta certezza è che, trovandomi a far compere in quel negozio il cui nome inizia per H e finisce per M,insieme a quella gonna di cui preventivavo l'acquisto da settimane mi porterò a casa anche una maglietta, o un paio d'orecchini.
Inutile, quindi, star qui a raccontarvi cosa accade quando finisco (per fortuna ciò avviene molto raramente) nel regno del mobile svedese.Tunderbollenka e Jallinstavoll che si sprecano. I miei occhi brillano alla vista di ogni candela, ogni scatola di metallo, ogni piatto colorato. Dopo aver acquistato cesti e ciotole di ognio forma e sorta, dopo aver mangiato due-tre hot dog (sì, tra i miei segreti "inconfessabili" c'è anche questo spirito da Mr Hyde del junk food),eccola lì, l'ultima, irresistibile tentazione: la bottega alimentare. Distese di polpette surgelate e salmone all'aneto. E ovviamente, loro. Nelle loro belle scatole di latta (o di cartone, alle volte pure di plastica). I pepparkakor.Non potrei mai tornarmene a casa senza averne comprati un po', pregustando quell'odorino di cannella che fa tanto inverno, casa e divano con coperta di pile (il sofà e la coperta, ovviamente, vengono sempre da lì)

Pepperkakor.

270 grammi di farina
90 gr di burro
165 grammi di zucchero di canna
90 ml di acqua
Chiodi di garofano
Un cucchiaio molto abbondante di cannella
Un cucchiaino raso di lievito per dolci

In un pentolino far sciogliere lo zucchero con le spezie e l'acqua, mescolando di continuo,fino ad ottenere uno sciroppo denso. Poi aggiungere il burro a pezzettini e lasciar sciogliere. In una ciotola mischiare la farina e il lievito e versare lo sciroppo sulla farina e impastare tutto fino ad ottenere una pasta molto elastica.
Stendere la pasta in una sfoglia sottile di 2 mm di spessore, ritagliare i biscotti e infornarli nel forno preriscaldato a 180°, per 12-15 minuti.

Con tag dolci, biscotti

Commenta il post

EvaKendall 02/17/2012 21:48

ti capisco!! sono un'amante dei biscotti da scatola di latta (pepparkakor a parte, anche quei biscotti danesi super burrosi...):)

Giovanna 02/17/2012 17:31

Soffro della tua stessa sindrome, ho la collezione a casa delle scatolette di latta i biscotti tutti dentro la mia pancia ovviamente ;)